Autore: Gabriele Scalici

Assaggi di Emilia e Romagna al Taste of Christmas di Bologna. I migliori del 2016

Di  Maria Laura Giove Lo so, sono stata assente per un po’ di tempo cari amici “appuntisti”, ma sono tornata per raccontarvi i miei migliori assaggi alla grande festa di Natale che si è svolta dal 25 al 27 novembre a Bologna, nelle magiche stanze di Palazzo Re Enzo in Piazza Maggiore. Questa edizione 2016 di Taste of Christmas vede ben 19 chef dall’Emila Romagna, ciascuno con un “piatto icona” rigorosamente abbinato ad un vino selezionato dagli esperti della storica enoteca romana Trimani (tra l’altro recentemente premiati come ambasciatori dei vini dell’Emilia Romagna nel mondo). Tra le novità di...

Read More

Il ritorno dei bianchi invecchiati 2016

Con questa siamo almeno alla terza edizione di una serata magica che gli amici dell’AIS Milano promuovono con il fine di far capire al mondo una volta per tutte che il vino bianco, concepito in vinificazione adeguatamente, può durare nel tempo e regalare molto più di una semplice bevuta che l’ultima annata in commercio di solito concede. Ne abbiamo provati un po’, lunedì 14 novembre, tra vecchi e nuovi.  A dire il vero molti più di quelli presenti in questi appunti di degustazione. Da La Scolca andiamo diretti al D’Antan 2005. Una riserva di Gavi. Naso sontuoso tutto minerale. Intensità, che se...

Read More

Jura da scoprire. Tre uve, per un grande vino.

Un piccolo post per un grande vino, ma meritato. Parliamo di Domaine du Pelican Arbois Trois Cépages 2014 – Marquies D’Angerville. Trois cepages ovvero tre uve. Pinot nero, trousseau e poulsard per un vino del Jura fatto da un borgognone. E la mano si sente, devo dire. Rosso scarico più sul rosè che sul rubino, vivido e sfaccettato, che considerando l’annata e la zona produttiva, più di cosi non si poteva fare. Ve lo dico subito, è un gran vino che dà grandi e inaspettate soddisfazioni. Non troverete struttura, non troverete potenza e nemmeno una beva lineare. Qua si...

Read More

Vino PIWI: COSA ESSER TU?

di Andrea Fiorio L’ultima frontiera del vino “sano”, dopo il biologico, senza solfiti, senza trattamenti in cantina, sembrava essere solo il biodinamico, giusto? Beh, anche questa frontiera è stata superata. Ecco a voi il vino PIWI. Il nome forse evoca una animaletto o un frutto del continente australe; invece è una contrazione di un impronunciabile parola tedesca pilzwiderstandsfähig, letteralmente traducibile in “capace di resistere ai funghi”. Sono vitigni – ibridi interspecifici – che provengono da selezioni cominciate già a fine ‘800 in Germania, Francia e Svizzera, incrociando la Vitis Vinifera con altre specie di vitis. Le viti selezionate vengono...

Read More

Custoza Doc. Il bianco del Garda.

L’influenza climatica che il lago di Garda riesce ad esercitare sul territorio circostante, in termini di mitigazione, è ben nota a chiunque. Ma i suoi benefici effetti si manifestano anche in maniera meno visibile, ad esempio sulla composizione del terreno, ovvero generando un terroir con tanta sabbia su limo e argilla. Proprio sulle colline moreniche a sud est del grande lago sorge un’interessante realtà enologica: Corte Sant’ Arcadio. L’ azienda dispone di circa 15 ettari di vigneto, in cui sono coltivati diversi vitigni sovente utilizzati in uvaggio per creare vini, come nella migliore tradizione veneta. Il prodotto degustato è...

Read More